Psicogenealogia e Analisi Transgenerazionale

in Psicogenealogia, Transgenerazionale

PSICOGENEALOGIA

Oggigiorno l’approccio transgenerazionale trova riconoscimento presso numerosi professionisti nel campo psicologico (professionisti dell’aiuto, autori, ricercatori, praticanti di differenti approcci) i quali gli conferiscono un ampio spazio nelle loro pratiche.
Vanno comunque distinti i differenti metodi, tecniche e strumenti relativi al transgenerazionale e accordare loro una definizione (non definitiva) allo scopo di situarli al meglio l’uno in rapporto all’altro e di situarli in funzione della domanda del cliente.
Esistono attualmente diverse correnti principali che coesistono nel registro transgenerazionale, ma sono differenti l’una dall’altra: la Psicogenealogia (con differenti approcci), le costellazioni familiari, la decodifica biologica.

LA PSICOGENEALOGIA E L’ANALISI TRANSGENERAZIONALE

La Psicogenealogia considera la dimensione psicologica dell’ Albero Genealogico così come è vissuto, interiormente, da ciascun individuo. Può essere definita come un metodo che contestualizza la persona all’interno del suo panorama familiare, ridandogli un suo il suo proprio posto facendo riferimento alle informazioni genealogiche e all’impatto psicologico degli avvenimenti che si sono prodotti nelle generazioni precedenti. Stabilire la propria ‘carta d’identità genealogica’ rivela la mappa dei posti occupati dal parentado, fino a quel momento racchiusa nell’inconscio familiare. L’impatto degli avvenimenti a carattere traumatico vissuto dalle altre generazioni crea dei ‘luoghi assenza’ rivelatori di problematiche trasmesse all’insaputa dei discendenti.
Questo metodo utilizza principalmente il Genosociogramma, rappresentazione grafica dell’albero genealogico, come supporto. Il Genosociogramma è stato codificato dalla Professoressa Anne Ancelin Schutzenberger e lo stesso termine ‘Psicogenealogia’ è stato da lei coniato, grazie agli approfondimenti e alle sue ricerche sulla Sindrome di Anniversario e le correlazioni con la psico-storia.
Partire dalle tracce di chi ci ha preceduto ci conduce dentro dei luoghi a volte inattesi del nostro cosciente familiare e del nostro inconscio ancestrale.

L’ANALISI TRANGENERAZIONALE

L’Analisi Transgenerazionale prolunga il lavoro psicogenealogico (è di competenza esclusiva di psicologi e psicoterapeuti) nell’investigare le situazioni sofferenti dell’albero genealogico attraverso un percorso articolato. Dopo aver decodificato le informazioni presenti nel Genosociogramma (nomi, date, mestieri, avvenimenti, etc..) diviene necessario interessarsi agli effetti dei difetti (mancanze) di trasmissione sulla persona. Che si tratti di traumi, lutti non elaborati, segreti, non detti, violenze, tutto questo impregna psichicamente i discendenti creando dei comportamenti, dei funzionamenti ‘inadatti’, disfunzionali alle situazioni che si presentano. Possono apparire sottoforma di angosce, straripamenti emozionali, sensazioni confuse, malesseri, sintomi depressivi, o, in casi più gravi, sottoforma di turbe psichiche (per esempio i comportamenti deliranti).
I sintomi generalmente si manifestano al momento di certi passaggi esistenziali che precedono cambiamenti importanti. Sono degli ‘appuntamenti genealogici’ con la memoria familiare. Tutto ciò può prendere un senso solo quando la prospettiva transgenerazionale viene portata a coscienza.
L’analisi transgenerazionale lavora nel restaurare i legami inter e intragenerazionali e al radicamento della persona nel suo posto d’origine.

IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA FAMILIARE

Uno dei modi di funzionamento e mal funzionamento nel sistema, è legato allo scambio tra ‘dare e ricevere’; che sia sotto una forma materiale, un modo di comunicazione verbale, delle azioni tra i membri della famiglia o dei disequilibri la cui causa può essere rintracciata in traumi transgenerazionali (segreti, lutti non elaborati,…).
Ivan Boszormenyi Nagy, psichiatra, ha concettualizzato la sua teoria sul bilancio dei compiti e dei legami familiari.
Virginia Satir, dell’equipe di Palo Alto, ha lavorato sulla dimensione della riparazione e ha scritto sui legami d’amore. (legami nel senso dell’attaccamento, mancanza o eccesso).
Altri ancora come Jay Haley, Murray Bowen, Eva Madelung, Paul Watzalwick, Savador Menuchin, dell’equipe di Palo Alto hanno rivoluzionato la terapia familiare negli anni ’70 con l’emergere di nuovi concetti nel modo di comunicare (Watzlawick e la pragmatica della comunicazione) e di posizionarsi (Bowen).
A tutti questi pionieri e precursori (a a tutti gli altri non citati) va reso omaggio per aver aperto strade nuove in questo ambito.

RIASSUMENDO

Il lavoro della psicogenealogia si inscrive nell’attualità di un mondo in piena mutazione. La nostra epoca è agitata da delle memorie collettive onnipresenti, che entrano in risonanza con il peso delle memorie ancestrali, ingombre di fantasmi, intrise di sofferenza e colpevolezza. Diviene dunque urgente, in questo contesto, liberarsi del passato traumatico per sbrogliare la propria storia.
L’architettura dell’albero psicogenealogico diviene rivelatrice della nostra appartenenza a un corpo familiare. Aiuta a risalire alla sorgente della nostra esistenza e delle nostre scelte, delle trasmissioni inconsce, dissimulate in una catena aggrovigliata che spesso influisce sul nostro presente con i suoi lutti non elaborati, segreti, conflitti, ingiustizie,…
Diventa così possibile interrogarci sul posto da dare alle situazioni ripetitive che hanno delimitato la nostra esperienza individuale, in legame con gli avvenimenti vissuti dalle generazioni precedenti.
L’approccio psicogenealogico e transgenerazionale, ci conduce sui sentieri dei passivi famigliari, offre ad ognuno la possibilità di dare alle memorie trasmesse il loro giusto valore. Incarnarsi dentro le radici identitarie di una storia ricostruita permette di inziare il cammino della propria libertà individuale.

Presidente: Sonia Faccia | C.F. 91353620379 | Privacy
Sede centrale: Via C. Rusconi, 7 a/b - 40131 - Bologna | Contatti | Fax: +39 051.452.874
Le attività dell'Associazione sono rivolte ai soci ARCI. Per associarsi è sufficiente cliccare qui per compilare il modulo di adesione.